L´OSCURO GINECOLOGO CHE CUSTODISCE I SEGRETI DEL DOPING SPAGNOLO…


Eugenio Capodacqua

Si è fatto più furbo. Ora non rilascia più dichiarazioni roboanti come fece durante il primo mega scandalo doping, la famosa Operacion Puerto che quattro anni fa coinvolse una cinquantina di corridori fra cui il tedesco Ullrich e Ivan Basso. Ora parlano per lui avvocati, compagni di avventura o di sventura, come quelli con cui ha condiviso il fermo della Guardia Civil nella nuovissima operazione antidoping spagnola «Operacion Galgo». E sembra un segnale preciso: attenti che se parlo io crolla tutto lo sport.

Parli di doping spagnolo e spunta subito lui, Eufemiano Fuentes, 55enne ginecologo di Las Palmas, Canarie, aspetto giovanile e curato, occhiali scuri spesso calati sul naso, movenze felpate da felino. L´altro giorno è scivolato via alla chetichella, sfuggendo l´assedio dei media spagnoli dopo l´arresto. Il suo messaggio è arrivata per bocca del compagno di cella («Se parlo crolla tutto il calcio spagnolo: addio mondiale»), mentre quattro anni fa, il 5 luglio del 2006, aveva detto pubblicamente: «Ho dopato anche calciatori, tennisti e atleti, perché sono venuti fuori solo i nomi dei ciclisti?».

E si era concretizzato il sospetto che del suo collaudato servizio di doping ematico (una rete di laboratori e appartamenti a Madrid smantellata dalla Polizia spagnola) approfittassero interi club di vertice. Tutto smentito. Dell´incontro da Fuentes con un calciatore del Real aveva parlato il ciclista Manzano nella sua confessione. Ovviamente smentito anche lui. Poi l´ineffabile ginecologo si era subito corretto: «Non posso parlare, ne va della mia vita». L´ambiguità come stile di vita.

Minacciare per sopravvivere? O semplicemente per vivere meglio? Un dato emergerebbe chiaro dall´inchiesta della Guardia Civil: sarebbero in tanti a fare la fila da lui. Da anni. Gli anni – un caso? – in cui lo sport spagnolo ha sbaragliato il campo in tutte o quasi le discipline, dal tennis, al calcio, all´automobilismo, all´atletica, al ciclismo.

Tutti da lui, un medico modesto, senza una grande storia professionale alle spalle, senza neppure l´aura (fasulla) di scienziato. Eppure continua ad operare da trenta stagioni. Inseguito e blandito come alcuni nostri «principi» della farmacia proibita; radiati a vita, ma sempre «operativi» grazie anche all´evidente distrazione dell´ordine di categoria.

Un pasticcione, Fuentes, accusato da Manzano di avergli fatto rischiare la vita con una trasfusione sbagliata; abilissimo venditore di se stesso e delle sue interviste; già chiacchierato nel 1988 quando una sua atleta, la quattrocentista Cristina Perez, divenuta poi sua moglie, fu trovata positiva per uno stimolante e si salvò per il solito cavillo formale. Lui, medico sociale di prestigiose squadre ciclistiche, dalla Once all´Amaya alla Kelme, e di formazioni calcistiche come il Las Palmas.

Fuentes sempre protagonista, anche se questa volta, al contrario del 2006, niente gli è stato sequestrato, né sacche di sangue, né sostanze dopanti. Ma non solo lui, tutta la sua famiglia resta discussa. La sorella Yolanda (anche lei indagata in questa nuova inchiesta) era medico in una squadra spagnola al Giro 2001, quello delle famose perquisizioni di Sanremo.

Mentre di amici e «referenti» si vocifera in giro per mezza Europa, Italia compresa. Abile e diabolico. Restano da esaminare i filmati della Guardia Civil e le intercettazioni ambientali di ben sette telefonini usati per comunicare con i clienti. L´inchiesta è solo agli inizi.

tratto da LaRepubblica

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...