Honduras dalla repressione alla collaborazione con gli ultras

Ci sono voluti oltre due anni di negoziati, ma le barras più violente nel calcio honduregno hanno firmato un accordo di pace per porre fine alle aggressione avvenute dentro e fuori degli stadi a livello nazionale negli ultimi dieci anni. L’operazione ruota attorno ai due gruppi principali : “La Ultrafiel”, convinti sostenitori del Club Deportivo Olimpia e “Los Revolucionarios”, che sostengono il  Motagua .

Dopo anni di ostilità, le due parti hanno unito le forze per fermare la violenza e la criminalità che rischiano di distruggere lo sport più popolare del paese.
Le parti hanno raggiunto un accordo con l’aiuto di numerose organizzazioni e istituzioni, tra cui il Programma Nazionale per la Reintegrazione Prevenzione, Riabilitazione e sociale (PNPRRS), la Polizia Nazionale (PN), l’Istituto Nazionale della Gioventù (INJ), alcune ONG e dei media .
“Abbiamo assunto un impegno d’onore per la pace e l’armonia”, recita il patto, che è stato firmato nel mese di maggio. “Noi, membri della Ultrafiel e  “La Revo” [Revolucionarios], abbiamo accettato di firmare un accordo di pace per garantire che la festa del gioco del calcio si disputi armoniosamente. Ci impegniamo a rispettare e rafforzare i nostri gruppi in forma pacifica.”
Si stima che almeno 10.000 giovani  di età compresa tra 12 e 25 sono membri di Barras bravas nella capitale  Tegucigalpa, il 65% dei quali appartenenti alla “Ultrafiel”, che supporta il Club Deportivo Olimpia, squadra più popolare e di successo del Paese.

Il Club Motagua,  secondo club più popolare del paese e rivale del Club Deportivo Olimpia, ha anche esso un grande seguito tra i giovani organizzati nel  famigerato gruppo “Los Revolucionarios”.

“Siamo sempre stati demonizzati come la feccia della società, ma nessuno ha  mai analizzato il lavoro che facciamo”, ha affermato Melvin Servellón, portavoce  “Ultrafiel” che sottolinea che il gruppo ha creato programmi di formazione e di fatto creato lavoro sociale grazie all’ impegno dei suoi membri nel corso degli ultimi due anni .

“Tutti però hanno sempre indicato noi come il peggio”
Servellón ha aggiunto: “Noi facciamo lavori socialmente utili, come pulire le strade, la riparazione di campi sportivi nei quartieri più poveri della città, e aiutare economicamente alcune case di cura.

Abbiamo anche organizzato  tornei di calcio per mantenere i più giovani lontano dalla droga e la criminalità. ”
Iván Flores, portavoce del gruppo  “Los Revolucionarios”, ha invece evidenziato che il suo gruppo è spesso associato solo agli atti violenti nonostante il lavoro  nella comunità, che comprende scuole di pittura e festeggiare i compleanni dei bambini malati di cancro presso l’Ospedale Escuela a Tegucigalpa e altre iniziative benefiche che  passano inosservate .
A volte si lavora e nessuno  riconosce ciò che si fa “, ha detto. “E ‘vero che nei gruppi di barrabrava esistono dei violenti, ma tutti i media si concentrano solo su questi aspetti negativi».
Funzionari del governo invece hanno detto che si sono resi conto di dover utilizzare una nuova strategia  per porre fine alla violenza durante le partite di calcio circa tre anni fa, quando gli scontri tra le  barras bravas hanno  portato a sette morti in altrettanti giorni.
“A Tegucigalpa gli scontri dovuti al fanatismo per la squadra sono  stati “trasferiti” dallo stadio ai quartieri più poveri della città, sulla spinta di certi gruppi antisociali”, ha detto Gustavo Sánchez Velásquez, che ha un dottorato in Sociologia, “bande criminali spesso si infiltrano nelle barras per commettere crimini.
Il governo dell’Honduras ha deciso che il modo migliore per combattere la violenza delle Barras è quello di aiutare i propri membri, non arrestarli.
“Abbiamo offerto workshop, formazione e campagne di sensibilizzazione a questi giovani, e abbiamo avuto riscontri positivi da loro”,

Melvin Servellón riconosce che ci sono criminali all’interno de “La Ultrafiel”.
“Non possiamo controllare tutti e non è facile gestire 7.000 persone”, ha detto, “Il gruppo Ultrafiel non è nato a Las Lomas de Guijarro (la zona più ricca di  Tegucigalpa), ma è ben radicato in ciascuno dei quartieri poveri della capitale, dove la violenza avviene ogni giorno.E ‘logico che ci saranno ancora atti criminal, ma lavoriamo per evitarli. ”
Juan Robles, uno dei leader di Los Revolucionarios, ha aggiunto che il suo gruppo ha la stessa filosofia.
“Noi non apparteniamo a bande. Siamo considerati criminali solo perché sosteniamo una squadra. Anche se sappiamo che esistono persone che si infiltrano nel nostro gruppo “, ha detto. “Se li identifichiamo verranno espulsi.”

Fonte: Infosurhoy.com

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...