Il calciatore e la contessa.Storia (triste) di Germano, il primo “negro” del campionato italiano

di Elvis lucchese

Germano arriva al Milan nel ’62. Non un asso, un giocatore discreto come molti. Doppietta nel promettente esordio a San Siro contro il Venezia (finisce 3-3), poi tanta panchina e zero gol. Fuori dal campo, invece, una valanga di problemi per l’amore “scandaloso” con una ragazza di classe troppo alta e di pelle troppo bianca per lui, brasiliano nero di Conselheiro Pena, nell’entroterra povero dello stato di Minas Gerais. Erano la Milano e l’Italia razziste e benpensanti degli anni Sessanta. Ma non è detto che oggi, mezzo secolo dopo, i giudizi su Germano sarebbero poi tanto diversi, Continua a leggere

Nasce nel Nordest l’esperimento di una Nazionale albanese

di Elvis Lucchese

Nordest roccaforte della Lega ma anche regione con un intenso tessuto produttivo e con un forte richiamo per i lavoratori migranti, Nordest che è anche territorio di rugby con radici fortissime. Sullo sfondo di questo scenario prende forma lo scorso inverno l’idea di mettere insieme i giocatori di origine albanese che sono impegnati nei vari campionati italiani di rugby, alcuni dei quali con una carriera sportiva già ben avviata: è il caso di Damin Buzaj, in forza al Gran Parma, e del mediano di mischia del VeneziaMestre Sevian Daupi, o ancora del veterano Paco Ogert, già a Calvisano ed oggi capitano dell’Alghero.

Per l’approdo nella Nazionale azzurra di qualche atleta italo-albanese non è che questione di tempo, Continua a leggere

Rugby, la nazionale degli albanesi (e dei veneti)

di Elvis Lucchese

Nasce nel Nordest l’esperimento di una Nazionale albanese di rugby. Nordest roccaforte della Lega ma anche regione con un intenso tessuto produttivo e con un forte richiamo per i lavoratori migranti, Nordest che è anche territorio nel quale ha radicata tradizione uno sport capace di interessanti dinamiche aggregative come quello della palla ovale. Sullo sfondo di questo scenario prende forma lo scorso inverno l’idea di mettere insieme i giocatori di origine albanese che sono impegnati nei vari campionati italiani di rugby, alcuni dei quali con una carriera sportiva già ben avviata: è il caso di Damin Buzaj, in forza al Gran Parma, e del mediano di mischia del VeneziaMestre Sevian Daupi, o ancora del veterano Paco Ogert, già a Calvisano ed oggi capitano dell’Alghero. Continua a leggere

Hanno il passaporto italiano ma per il rugby diventeranno “stranieri”. La rivolta degli oriundi argentini

di Elvis Lucchese

Hanno il passaporto italiano, lavorano, vivono e votano in Italia, eppure dalla prossima stagione per la Federazione Rugby diventeranno degli “stranieri”. E’ il caso di oltre trecento giocatori, fra professionisti e dilettanti delle serie minori, che oggi si ritrovano praticamente esclusi dai campionati 2010-2011, vittime di norme volte a salvaguardare i settori giovanili. Si tratta perlopiù di ragazzi argentini nel nostro paese da almeno dieci anni, che nelle scorse stagioni sono stati impiegati nei club in qualità di oriundi con doppio passaporto oppure avendo ottenuto la cittadinanza per residenza o matrimonio. Qualcuno è giunto anche a vestire la maglia azzurra, tutti di certo hanno contribuito ad accrescere il livello delle squadre che li hanno ingaggiati, portando con sè le qualità tecniche delle scuole rugbistiche dei loro paesi, Argentina ma anche Sud Africa e Nuova Zelanda. Il professionismo ovale, Continua a leggere